14 maggio 2008

PERCHE' CI SI INNAMORA

Si apre un sottile spiraglio per la comprensione di un sentimento misterioso.

Per capire i meccanismi mentali dell’innamoramento occorre prima considerare quelli mnemonici e dell'istinto.
Per quanto ne so, la scienza ha dato spiegazioni solo parziali di come si imprimano le immagini nella memoria, le mie deduzioni sulla attrazione partono da queste.
I soggetti che hanno superato l'età puberale hanno formato, nella loro memoria statica o residente, dei modelli ideali, anche dell'altro sesso, definiti secondo metro e gusto strettamente personale. Ad ogni nuova conoscenza i nostri cinque sensi, ciascuno per il proprio ambito, mandano al cervello una serie di informazioni necessarie a definirne l’anteprima del soggetto (più o meno completa secondo le informazioni disponibili), che viene confrontata con il preesistente modello ideale; tale confronto determina il risultante giudizio (bello, buono etc.), che verrà memorizzato associato all'immagine.
Occorre ricordare che l’uomo è un animale sociale che, nonostante la ragione, risponde inconsciamente a diversi istinti primari, dopo quello di sopravvivenza l'altro di procreazione ha l'importante compito di dover perpetuare la specie. Già alla prima conoscenza, tra due persone di sesso diverso, ancor prima del confronto tra anteprima e modello ideale per la formulazione del giudizio, è possibile che l’istinto primario induca a valutare il “possibile compagno di coppia al fine di procreare” e formuli di conseguenza il "giudizio" su valutazioni finalizzate a ciò. Non si può escludere che tale priorità sia inamovibile e sempre anteposta ad altri elementi di valutazione come il carattere o talune affinità, o che porti alla composizione di coppie che appaiono male assortite, con conseguenti crisi dovute ad eccessiva diversità di carattere. Se questa ipotesi fosse corretta e realmente l’innamoramento fosse subordinato a meccanismi mentali al di fuori del controllo cosciente, si spiegherebbe l’estrema difficoltà ad individuare e comprendere quali siano gli elementi di stimolo che lo determinano. Tuttavia non possiamo non tenere in debito conto l'ipotesi che l'effetto dell'istinto primario alla procreazione, che agisce a monte di tutto il resto, possa determinare la nascita di sentimenti conseguenti e finalizzati ad essa,che verrebbero considerati causa e non effetto. Questo rischio di confusione determina la nascita, appunto, di coppie disomogenee, esposte a seri problemi di crisi, che si aggiunge agli altri motivi di crisi della famiglia. Tutto ciò renderebbe giustificata ed opportuna la ricerca, finalizzata a scoprire il modo di controbilanciare l'istinto, per poter cegliere partner adatti alla convivenza più che alla procreazione. E' quasi superfluo aggiungere che non si può ovviamente ridurre a mero argomento scientifico il grande universo dell'innamoramento, nel quale l'intelligenza e la sensibilità personale giocano un ruolo significativo, anche se non determinante. Trovare un modo intelligente per scegliere l'altro componente della coppia definitiva, è possibile ma molto arduo. Bisognerebbe, prima ed oggettivamente, valutare bene pregi e difetti dell'altro soggetto, senza sopravvalutarne i pregi. Esattamente il contrario di ciò che fanno gli innamorati a causa del "coinvolgimento emotivo", che, alla luce delle precedenti ipotesi, assumerebbe una nuova aria sinistra se dovessimo considerarlo il parto di un istinto primario. "finalizzato".

Etichette:


Commenti:
in effetti è proprio così!!quando ci si innamora non ci si rende conto dei difetti della persona con cui stai,proprio perchè vi è un coinvolgimento emotivo. Aggiungeri che a causa di quest'ultimo,durante la fase dell' innamoramento idealizziamo il carattere del nostro partner,attribuendo ed esaltando pregi, creando nella nostra mente ciò che desideriamo e crediamo che lui sia in quel momento, la perfezione fatta a persona!Per questo i primi periodi sono sempre "rosa e fiori",ma con il passare del tempo, terminata la fase dell'infatuazione,cominci ad accorgerti dei tanti difetti e crolla il "principe azzurro" creato inizialmente!tutto sta nel restare con i piedi per terra, anche se quando entrano in gioco la passione,l'attrazione,l'istinto è del tutto impossibile!
 
Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]



Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

This page is powered by Blogger. Isn't yours?

Iscriviti a Post [Atom]