28 maggio 2013

LE BARRICATE EVANESCENTI.

Per la Magistratura risulta sempre molto difficile riuscire a dimostrare la volontà di una parte delle Istituzioni che, col pretesto di difendere i cittadini, hanno eretto barricate evanescenti contro mafie, eversione, evasione e ricatti delle grandi proprietà.
Alcuni corpi dello Stato, da un lato hanno combattuto le mafie conseguendo buoni risultati, dall'altro hanno provato a scendere a patti con loro dopo aver fatto "concessioni" e subìto vari attentati intimidatori. Tra le "concessioni" spicca, ed è provata, la tardiva perquisizione nell'abitazione di Totò Riina avvenuta il 2 Febbraio del 1983, mentre l'arresto risale al 15 Gennaio dello stesso anno. Nella sua deposizione, il pentito Giovanni Brusca riferisce sullo “svuotamento” dell'abitazione avvenuto nei giorni successivi all'arresto di Riina: “Il primo giorno furono portati via vestiti, fotografie, documenti che potevano interessare a loro e poi il secondo, il terzo, il quarto giorno io riferivo a Leoluca Bagarella, e Bagarella a volte si metteva a ridere soddisfatto di quello che stava accadendo, mi dissero che avevano avuto il tempo di modificare la struttura della casa, siamo riusciti a togliere tutto"; le successive indagini provarono infatti che l'abitazione, a svuotamento avvenuto, era stata addirittura ritinteggiata, tutto ciò prima della perquisizione.
Analoghe contraddizioni si riscontrano nella lotta al terrorismo, che ha visto Corpi di Polizia in prima linea a combatterlo, mentre nello stesso periodo i Servizi Segreti erano coinvolti in tutte le stragi eversive attraverso deviazioni di parte degli stessi Servizi e della Polizia di Stato (banda della uno bianca).
Le grandi proprietà industriali, dal canto loro, hanno offerto lavoro a decine di migliaia di cittadini, ma hanno tenuto sotto scacco, con la minaccia di licenziamenti e dismissioni, i Ministeri competenti spesso compiacenti, mentre parte della Magistratura, che svolgeva indagini sulle inadempienze, si distraeva volentieri. Da notare che durante lo stesso periodo venivano approvate leggi che foraggiavano le grandi proprietà con denaro pubblico.
E' di tutta evidenza la continuità di comportamento esecrabile tenuto da una parte delle Istituzioni coinvolte nei fatti citati ed in parte ancora in corso. Gli slogan di personalità politiche ed istituzionali che cantano vittoria contro mafie e malaffare, sono molto in voga ma sembrano scongiuri, il tentativo di distorcere la realtà non cambia comunque i fatti.
In particolare si è consentito alle mafie di espandersi su tutto il territorio nazionale infiltrando persino le stesse Istituzioni.
Si può riassumere affermando che la battaglia contro il potere mafioso, quello economico e l'eversione, abbia visto le Istituzioni erigere barricate evanescenti, in qualche caso ancora in piedi, e lo Stato vincere qualche battaglia ma perdere la guerra; limitarsi a citare solo alcune vittorie non rende giustizia agli eroici servitori dello Stato che hanno lasciato la vita sul campo.



Commenti: Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]



Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

This page is powered by Blogger. Isn't yours?

Iscriviti a Post [Atom]