5 giugno 2013

Ci risiamo, gli errori si ripetono! Gianbattista Vico docet !


In Italia, dal 1946 al 1964, vi è stato un bipolarismo tra Centro (DC, PSDI, PRI, PLI) e Sinistra (PSI, PCI).
Dal 1964 in poi la partecipazione del PSI ai governi con la DC ha determinato la nascita di un bipolarismo tra Centro-Sinistra e Sinistra.
Il sistema proporzionale puro, in uso fino al 1993, ha favorito, soprattutto dagli anni '80 in poi, la nascita di partiti esterni ai "poli" maggiori, come la Lega Nord o i Verdi.
Nel 1996 in Italia si ebbe il ritorno ad un sistema bipolare, ma più marcato del precedente. Si contrapposero, infatti, due coalizioni: Ulivo, poi Unione, (centro-sinistra) e Polo delle libertà, poi Casa delle Libertà, (centro-destra).
L'assetto di alleanze bipolari è terminato nel 2008, con lo sfaldamento delle due coalizioni e la nascita di due soggetti politici unitari a forte vocazione maggioritaria, quali il Partito Democratico e il Popolo della Libertà, nati dall'unione dei principali partiti, rispettivamente, di centro-sinistra e centro-destra.
La legge che ha modificato il sistema elettorale italiano ha delineato la disciplina attualmente in vigore. È stata formulata principalmente dall'allora Ministro per le Riforme Roberto Calderoli, che egli stesso definì «una porcata». Grazie a questa legge il sistema bipolare politico, in Italia, si è rivelato patologico non meno della malattia definita con lo stesso nome, rendendo il paese ingovernabile.
Al pari del sistema proporzionale puro, che favorì la nascita di Lega Nord e Verdi, il bipolarismo ha favorito la nascita del M5S di Beppe Grillo, ritenuto da Pd e PDL un potenziale pericolo al loro potere.
Anticipando gli effetti del fatale futuro fallimento della coalizione Pd- Pdl oggi al governo, la politica corre ai ripari virando verso un sistema maggiormente incisivo: il presidenzialismo, foriero di possibili derive autoritarie. Si ripropongono i "corsi e ricorsi della Storia" di Gianbattista Vico e l'Italia del futuro rischia pericolosamente di tornare al passato.
 

Commenti: Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]



Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

This page is powered by Blogger. Isn't yours?

Iscriviti a Post [Atom]