4 febbraio 2014

- NON E' UN MIRACOLO -

Il fattore F o vitageno F, composto da acido linoleico, linolenico ed arachidonico, già in passato erroneamente denominato vitamina F, non è una vitamina, quindi può essere utilizzato come componente cosmetico. Unito ad una crema base assieme al gel di aloe vera, produce un ottimo effetto, come nessun altro prodotto è in grado di fare, per la cicatrizzazione rapida e per alleviare bruciore e secchezza della cute su ferite da ustioni, da non usare su carne viva. I medici del Centro Grandi Ustionati dell'ospedale Cannizzaro di Catania, nel quale fu a suo tempo ricoverato un paziente in pronto soccorso e poi dimesso per la convalescenza, hanno definito "miracolosa ed inspiegabile" sia la guarigione che la rapida cicatrizzazione delle ustioni di primo secondo e terzo grado, su quasi tutta la superficie delle braccia. Ovviamente, avevo proibito a quel signore di riferire ciò che gli avevo preparato. Il poveretto, un operaio di Milazzo di professione saldatore, al quale erano scoppiate addosso incendiandosi, le bombole per la saldatura; durante la convalescenza doveva passare sulle braccia una comune crema cosmetica idratante ad ogni ora del giorno e tenerle coperte con una fascia elastica piuttosto pesante, così avevano prescritto i medici del Cannizzaro. Mi disse: mi hanno riammesso al lavoro, ma non posso lavorare se ad ogni ora devo togliere la bendatura, passare la crema e poi rimetterla; decisi così di aiutarlo e gli preparai la crema prima descritta, non fu più necessario rimuovere ad ogni ora la bendatura, mentre la crema venne spalmata soltanto mattina e sera. Il risultato ottenuto fu osservato e con grande stupore, dai medici del Cannizzaro alla prima visita di controllo. In realtà non ci fu alcun miracolo ed il meccanismo d'azione dei tre componenti la crema, che agiscono in sinergia, è del tutto spiegabile. Sinergia è la parolina magica che spiega come sia possibile che l'effetto totale di tre componenti, la cui singola potenza diciamo che abbia valore 2, non è 6 ma molto di più, ovvero se agiscono in contemporanea si potenziano a vicenda, ciò è valido soltanto per la combinazione di talune particolari sostanze, dagli effetti, appunto, sinergici.


Ciò che mi lascia perplesso è il fatto che la normativa, pur avendo la medicina declassato la vitamina F, ne consenta l'uso in estetica, purtroppo, non tutti gli estetisti sono ben preparati ed in grado di utilizzare certe sostanze, ciò vale anche per quelle i cui risultati sono non meno sorprendenti, come l'acido glicolico, uno degli alfa-idrossi-acidi, viene ottenuto dalla fermentazione dei semi di cacao.
La concentrazione massima di tale acido, corrisponde al 70% (prodotto puro) e può essere adoperato soltanto dai dermatologi, gli estetisti possono adoperarlo fino alla concentrazione del 40%. La cosa curiosa è che produce sulla cute risultato identico per tempi di posa doppi e concentrazioni dimezzate, ovvero, la posa di un minuto con concentrazione al 20%, produce lo stesso risultato della posa di mezzo minuto al 40%, col vantaggio di essere sensibilmente meno irritante qualora si dovesse eccedere col tempo di posa. Ora do qualche cenno sui risultati ottenibili con l'applicazione di acido glicolico sulla pelle. Avendo un bassissimo peso molecolare, l'acido glicolico rappresenta una rarità per il fatto di essere una sostanza capace di penetrare fino allo strato profondo del derma, che si trova subito sotto l'epidermide e di stimolare i fibroblasti. I fibroblasti sono le cellule del derma responsabili della secrezione delle fibre di elastina e di collagene e dei glicosaminoglicani che formano la matrice di sostegno del derma. Sono inseriti nella matrice fibrosa e rimangono legati alla rete di fibre che producono. Questo tipo di organizzazione strutturale dona al tessuto connettivo dermico (derma) eccellenti proprietà di robustezza, resistenza, sostegno ed elasticità. La sostanza fondamentale, sotto forma di gel, permea tutto il derma e costituisce il tramite attraverso cui l'ossigeno e le sostanze nutritive provenienti dalla microcircolazione sanguigna raggiungono le cellule dei vari tessuti.
I principali costituenti della sostanza fondamentale sono particolari macromolecole, di cui la principale è l'acido ialuronico. Questo ha la capacità di legare grandi quantità di acqua e, quindi, di influenzare in maniera determinante la pastosità, il tono, l'elasticità e lo spessore della pelle, a seconda della quantità presente nel tessuto connettivo del derma.
L'acido glicolico, in definitiva, stimola la produzione, dal basso, di nuove cellule cutanee, queste spingono verso la superficie le cellule preesistenti, che affiorando desquamano, in verità in maniera poco visibile all'occhio.
In soldoni, ciò che avviene è un profondo rinnovamento cellulare, la cute diviene più chiara, la sua grana si affina e diventa più setosa acquistando visibilmente tono e luminosità, qualcuno gli rende pienamente giustizia paragonando il nuovo aspetto della cute a quella dei bambini piccoli. Tutti si accorgono se una donna si è sottoposta ad un trattamento di acido glicolico al viso, i meno attenti, non riuscendo a definire il motivo del cambiamento, dicono: ti vedo diversa, ringiovanita; anche in questo caso tutto è spiegabile, nessun miracolo.


Altra singolarità dell'acido glicolico, sono i buoni risultati che ho ottenuto in tricologia applicandolo sul cuoio capelluto nel caso di alopecia areata (a chiazze), o di diradamento evidente a seguito di diete drastiche e non controllate, problemi del sistema nervoso, depressione comune o post parto (sono esclusi i casi di alopecia decalvante, alopecia androgenetica, ovvero ereditaria, ad oggi incurabili). La particolarità di possedere la molecola di piccolissime dimensioni, gli consente di essere ben assorbito dal cuoi capelluto, molto ostico a lasciar passare qualsivoglia sostanza che compone lozioni o creme, men che meno quelle contenute negli shampoo.


Un ultimo flash sugli olii essenziali utilizzati in estetica: quello di "tea tree oil" (detto anche albero del te, che nulla ha a che vedere col te che viene comunemente usato per infusione) si trova facilmente in molte farmacie, costa pochi Euro e non ha bisogno di prescrizione medica; è un potente antimicotico naturale (fungicida), si può applicare, in piccole quantità, mattina e sera direttamente sulla pelle e cura perfettamente tutte le micosi, come quelle dei piedi e delle unghie, molto frequenti in caso di utilizzo, senza calze, di scarpe "da tennis".

Commenti: Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]



Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

This page is powered by Blogger. Isn't yours?

Iscriviti a Post [Atom]