12 marzo 2015

L'IMPORTANZA DEL SUPPORTO.

L'IMPORTANZA DEL SUPPORTO.
Il grande problema delle civiltà antiche, per lasciare ai posteri prova scritta della loro scienza e conoscenza, è stato il supporto sul quale imprimere la loro scrittura, i supporti, a quel tempo  disponibili, erano troppo fragili e delicati per poter resistere alla distruzione ed al deterioramento nei secoli successivi; soltanto pochi frammenti di scrittura sono giunti fino ai giorni nostri, il grosso è andato perduto. Ciò nonostante, siamo riusciti a delineare un quadro approssimativo della loro conoscenza in generale e della loro cultura, sufficiente comunque a stupirci non poco.
Il supporto usato dagli egiziani fu il papiro, per i babilonesi furono le tavolette di terracotta per la scrittura cuneiforme, i greci usarono tavolette e gli ostraka, per le lettere dell'antico alfabeto greco.
Tutta la sapienza attribuita all'antica civiltà Greca, deriva in realtà direttamente ed in gran parte da quella babilonese. Già ne 747 a.c. i babilonesi conoscevano filosofia, matematica, medicina, astronomia, calcolo del tempo ecc. sono tutte opere della civiltà babilonese. Il sistema sessagesimale, sul quale sono basati orologio, calendario e durata dell'anno, derivano direttamente dal sistema sessagesimale babilonese, furono i babilonesi ad inventarlo; il sistema decimale fu introdotto solo successivamente da altre civiltà occidentali. In matematica, il sistema sessagesimale si è rivelato molto più duttile di quello decimale, infatti esso è divisibile per un numero maggiore di numeri primi, nonostante, oggi è in uso quello decimale. Il greco Talete, riuscìa predire con esattezza una eclissi solare usando la conoscenza babilonese, ovvero, un catalogo nel quale erano segnate numerose eclissi ed il metodo per riuscire a predire l'evento con grande esattezza.
Il Medio Oriente, Babilonia in particolare, è stata culla della moderna civiltà umana. Tracce concrete della nascita delle prime civiltà, in base a ritrovamenti, vengono fatte risalire oggi a circa 4000 anni a.c. Ciò rafforza l'ipotesi che il cervello umano abbia avuto scarsa evoluzione, le migliorate capacità intellettive, sono probabilmente dipese più dai maggiori stimoli e dalla migliore alimentazione che dallo sviluppo cerebrale in volume ed intelligenza. La diffusione di notizie, cultura, differenti usi e costumi, di nuovi alimenti e di una alimentazione sempre più completa e ricca di sostanze nutritive, hanno avuto un notevole peso nello viluppo delle varie civiltà umane nel tempo.
Non c'è da stupirsi che l'ingegno dei popoli antichi sia stato capace di realizzare opere ciclopiche come le Piramidi d'Egitto, le gigantesche statue del porto di Antiochia e, prima ancora, i monoliti di Stonehenge, tutto è avvenuto ancor prima che fossero scoperti i metalli; quelle opere, non sarebbero facili da realizzare persino oggi, nonostante gli strumenti tecnologici in nostro possesso. Molte migliaia di anni fa, blocchi di pietra pesanti varie tonnellate venivano trasportati attraverso grandi distanze o sollevati parecchio dal suolo; l'ingegno umano non conosce limiti, da sempre; già nell'età della pietra, l'aver costruito le palafitta per difendersi dalle fiere, dai nemici e per ripararsi dalle intemperie, la dice lunga.
Tra i supporti che utilizziamo oggi, spiccano i DVD, gli hard disk e le memorie di massa, attraverso essi riusciremo a trasmettere notizie ai posteri. Ma siamo proprio sicuri che avranno ancora i supporti adatti a leggerli? Già oggi non si trovano quasi più i lettori di cassette stereo e di videocassette.







La famosa Stele di Rosetta.

Commenti: Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]



Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

This page is powered by Blogger. Isn't yours?

Iscriviti a Post [Atom]