11 agosto 2015

PERSO UN PEZZO DI TERRITORIO ITALIANO.




Faceva parte una volta della provincia di Foggia. Le Isole Pelagose, un piccolo arcipelago solo 12 miglia al largo del Gargano, oggi in terra, anzi in mare croato, che appartiene amministrativamente alle IsoleTremiti; fu dimenticato dall'Italia e nel Trattato di Pace di Parigi tra l'Italia e le Potenze Alleate firmato il 10 febbraio 1947; dopo la seconda guerra mondiale fu assegnato all'ex Jugoslavia. Torna periodicamente d’attualità, quando i pescherecci di Manfredonia “sconfinano” nelle acque croate, esponendosi al sequestro e al pagamento di multe particolarmente salate.
Quel trattato di pace stabilì anche che i pescatori italiani avrebbero goduto "gli stessi diritti a Pelagosa e nelle acque adiacenti, di quelli goduti dai pescatori jugoslavi prima del 6 aprile 1941" (ossia il diritto, in base agli "Accordi di Brioni" del 14 settembre 1921 e agli Accordi di Nettuno del 20 luglio 1925 tra il Regno d'Italia e Regno dei Serbi, Croati e Sloveni, di pescare con non più di 40 barche di stanza a Lissa e in determinati specifici periodi).
Le acque di Pelagosa sono ancora oggi visitate da numerosi pescherecci italiani, nonostante si tratti di acque territoriali croate. E non senza incidenti di percorso, come quello che ha visto protagonista il motopeschereccio “Destriero” sequestrato dalle autorità croate, con l’accusa di aver sconfinato ed illegalmente pescato.
Sulla possibilità che il trattato di pace sia ancora vigente e funzionante, qualche perplessità si può nutrire. Venne firmato infatti dall’allora Iugoslavia: con la crisi dei Balcani, dal 1991, le isole del piccolo arcipelago sono divenute croate, e occorrerebbe che venga intrapresa un’azione diplomatica verso il paese “dirimpettaio” per garantire il rispetto di quanto statuito dal Trattato.
In realtà, la particolarità di questa norma discende dall’incredibile storia vissuta dall’arcipelago, che figura nell’elenco dei “territori irredenti”, ovvero di quei pezzi di Italia o ex Italia che vengono di tanto in tanto rivendicati a diverso titolo. Non ha dubbi, il sito più autorevole in materia, Irredentismo.it, che calcola in circa 21.000 metri quadrati i territori che mancano all’Italia.

Commenti: Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]



Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

This page is powered by Blogger. Isn't yours?

Iscriviti a Post [Atom]