23 ottobre 2015

PRIMO: NON UCCIDERE !





"Taser" è il nome della pistola elettrica che immobilizza; un’arma che anziché utilizzare i proiettili ricorre a una scossa elettrica per rendere innocuo un aggressore o un violento. Non lo uccide, non lo ferisce, ma lo immobilizza, lo stordisce. Gli impedisce di continuare a portare avanti qualsiasi azione (illegale o pericolosa, si presume) stia compiendo.
Dalla pistola partono due piccole sonde simili a comuni freccette attaccate a un filo che trasmettono un segnale elettrico non appena entrano in contatto con il corpo. Va bene sia la pelle nuda che i vestiti, l’importante è che entrambi i dardi tocchino il bersaglio, altrimenti la pistola è inefficace. Le freccette hanno una gittata variabile fino a circa 10 metri, consentendo di agire anche a una certa distanza, senza avvicinarsi troppo al bersaglio e rischiare di essere colpiti o aggrediti. Sono alimentate da due batterie al litio identiche a quelle utilizzate, per esempio, per i flash delle fotocamere. Toccare una classica pallina sull’albero di Natale trasmette al corpo l’intensità di 1 ampere, la corrente «sparata» da un’arma Taser è di 0.0021 Ampere. La differenza, vale la pena ripeterlo, sta nella brevissima distanza degli impulsi che provocano l’effetto di immobilizzare il corpo. Impulsi innocui, secondo la letteratura dominante.    
E' pericolosa? I produttori e più di 100 studi indipendenti dicono di no. Cento flash di una fotocamera valgono 110 mila impulsi di una pistola elettrica. Il punto è che questi impulsi, sebbene non potenti, per essere efficaci devono essere molto ravvicinati tra loro. Sono di bassa intensità ma hanno un ritmo di uno ogni circa 5 microsecondi. È una specie di mitraglia.
Già la usano quasi 17 mila agenzie e forze di pubblica sicurezza sparse in più di 100 Paesi (Stati Uniti in testa), senza contare i civili per cui esistono modelli ad hoc in genere meno potenti. In circolazione ce ne sono molte migliaia di esemplari. In Italia è quasi sconosciuta, ma il cinema ci ha insegnato, almeno visivamente e in modo intuitivo, come funziona.  La pistola elettrica taser, grazie a un emendamento al decreto stadi e a un primo ok incassato dalla Camera potrebbe essere usata in via sperimentale dalla polizia. E, col tempo, diventare una presenza fissa nel kit di difesa degli agenti.
Altra categoria di oggetti  finalizzati all'autodifesa, a bassissimo costo, sono gli "storditori elettrici", funzionano anche con   batterie ricaricabili, le stesse utilizzate da apparecchi di uso comune.
La vendita di pistole Taser è vietata in Italia, ma su ebay si possono acquistare "storditori a contatto" a partire da 20 Euro.  Su internet si trovano in vendita buone pistole taser, costano intorno a 350 Euro ed hanno portata che va da 5 a 10 metri.   

Commenti: Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]



Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

This page is powered by Blogger. Isn't yours?

Iscriviti a Post [Atom]