10 ottobre 2016

SINGOLARITA' O MIRACOLO ITALIANO?



Accade in Italia che il capo del governo di centro-sinistra abbia fatto "cose" di centro-destra. Il termine "centro" associato a sinistra o destra è particolarmente caro agli italiani ma perfettamente inutile; indica la volontà di fare cose unicamente di sinistra o di destra cercando di camuffarle.
Ancora più singolare è che il governo sia costituito da ministri appartenenti anche all'opposizione e questo accade oggi.
Al mio paese si dice: "cu futti futti che Dio perdona tutti" !
Nel caso specifico a rimanere fottuti sono proprio coloro che vengono governati da soggetti che nessuno ha eletto, ovvero: tutti gli italiani !
La vera democrazia si realizza soltanto in Italia: nessuno li vota ma formano i governi !
Vengono anche particolarmente apprezzati gli incarichi multipli, il capo del governo infatti, spesso è anche segretario del suo stesso partito.

Meglio di una poltrona c'è solo una doppia poltrona, magari con annesso raddoppio dell'indennità e dei privilegi. I parlamentari nostrani, europei e nazionali, hanno preso il vizio di accumulare su di sé più cariche elettive, tanto che sono oggi oltre un centinaio quelli che possono vantare nel proprio curriculum: un seggio a Roma o a Strasburgo e, contemporaneamente, una fascia tricolore, un assessorato o un ruolo di consigliere in qualche comune e provincia d'Italia.
Secondo i dati elaborati da OpenPolis, ci sono centoventuno casi di doppi incarichi nei nostri parlamenti, molto spesso legati a personalità semisconosciute del panorama politico, ma con qualche eccezione di rilievo. A ogni tornata elettorale la storia è sempre la stessa: alcuni di questi esempi finiscono sulla stampa e alimentano la polemica, salvo poi tornare nell'ombra dopo qualche settimana. I casi più piccoli si meritano invece qualche appunto dalla stampa locale e poi finiscono nel dimenticatoio. Dai dati di OpenPolis pare che ad andare di moda siano soprattutto i seggi nei consigli comunali piccoli e grandi della Penisola, poltrone "locali" che non dispiacciono a cinquantaquattro parlamentari.

Uno dei casi più eclatanti riguardo al doppio incarico è quello di Antonio Mastrapasqua, noto per i 25 incarichi in consigli di amministrazione e collegi sindacali. Mentre era presidente dell'Inps e vicepresidente di Equitalia ricopriva anche gli altri incarichi, tutti molto ben remunerati (stiamo parlando non di privati ma di incarichi nella pubblica amministrazione). E' stato arrestato dai carabinieri nell'ambito dell'inchiesta "mafia capitale" in merito alle schede di dismissione "taroccate" per ottenere dalla Regione Lazio milioni di euro di rimborsi non dovuti. Negli anni Novanta fu condannato a 10 mesi di carcere per aver comprato, con la complicità di alcuni bidelli, esami universitari mai sostenuti; la laurea in Economia e Commercio conseguita nel 1984 è falsa; o almeno è stata ritenuta tale dalla giustizia italiana e per questo annullata.

AL PUNTO IN CUI SIAMO, PIU' CHE DI SINGOLARITA', SI TRATTA DI: MIRACOLI CHE AVVENGONO IN ITALIA; MA CHE NULLA HANNO A CHE VEDERE CON LA RELIGIONE O CON IL CREDO.

Commenti: Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]



Link a questo post:

Crea un link



<< Home page

This page is powered by Blogger. Isn't yours?

Iscriviti a Post [Atom]